A tu per tu con Lui

Sulla scia di questo breve, essenziale invito, in quasi 30 giovani dell’Oratorio di Ceglie Messapica (Br) lo scorso 2 gennaio abbiamo accolto l‘invito a trascorrere un’intera giornata, a tu per tu appunto, con il nostro Vescovo.

A tu per tu con lui per arrivare a tu per tu con Dio.

Sua eccellenza Mons Vincenzo Pisanello, Vescovo della nostra diocesi di Oria e che da anni ormai segue da vicino la nostra realtà…ci ha magistralmente introdotte al tema della santità… Presentandocela come una realtà a cui tutti siamo chiamati non come qualcosa di raggiungibile se e quando non si sa.

Già…da ora, oggi…in questo nostro tempo siamo chiamati alla santità come é vero che siamo chiamate alla felicità. Dove trovare allora le “dritte” necessarie? Nella parola di Gesù…

   

VANGELO DI RIFERIMENTO

Giovanni 15:1-17

La vite e i tralci Cl 2:6-7; Ga 2:20; Ef 3:17-19; 2:10; Gv 14:21, 23; Lu 13:6-9 1 «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiuolo. 2 Ogni tralcio che in me non dà frutto, lo toglie via; e ogni tralcio che dà frutto, lo pota affinché ne dia di più. 3 Voi siete già puri a causa della parola che vi ho annunciata. 4 Dimorate in me, e io dimorerò in voi. Come il tralcio non può da sé dare frutto se non rimane nella vite, così neppure voi, se non dimorate in me. 5 Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché bruciano. 7 Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto. 8 In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto, così sarete miei discepoli. 9 Come il Padre mi ha amato, così anch’io ho amato voi; dimorate nel mio amore. 10 Se osservate i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e dimoro nel suo amore. 11 Vi ho detto queste cose, affinché la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia completa.

Gv 13:34-35; 1Gv 3:16-19; 4:7-12 12 Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi. 13 Nessuno ha amore più grande di quello di dare la sua vita per i suoi amici. 14 Voi siete miei amici, se fate le cose che io vi comando. 15 Io non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo signore; ma vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio. 16 Non siete voi che avete scelto me, ma sono io che ho scelto voi, e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; affinché tutto quello che chiederete al Padre, nel mio nome, egli ve lo dia. 17 Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.